Comprato dalla proprio matrigna 2 -La prima mattina da sottomesso

Puntuale alle ore 7 sentii girare la chiave nella toppa della mia camera . Eleonora si avvicinò al letto e senza dire una parola mi slegò le mani.
Indossava una camicia da notte bianca , che faceva vedere in trasparenza il suo intimo bianco.
Mi guardò negli occhi e mi disse :
“Preparami la colazione , ti aspetto in camera mia , ovviamente nudo.”. Poi guardandomi tra le gambe prima e negli occhi poi mi disse sorridendo:
“Non farti strani pensieri e non guardarmi con quegli occhi : ricordati che il mio corpo non è tuo mentre il tuo è mio.”Mi alzai e preparai del caffè e delle fette biscottate con la marmellata. Era in massimo che sapevo fare
Presi un vassoio appoggiai il tutto e andai nella sua camera. La porta era chiusa. Aprii e la trovai sdraiata a letto.
“Primo errore : Prima di entrare nella mia camera devi bussare stronzetto chiaro?”mi disse urlando ” Poi se ti do il permesso entri altrimenti aspetti fuori, capito? Io la mia intimità la mantengo sei tu lo stronzo ad averla persa. Capito puttanella?”
” Si padrona” risposi quasi balbettando
“Cosa mi hai portato? Appoggia qui sul comodino e aspetta fermo in piedi”.
Iniziò a mangiare seduta sul bordo del letto quanto gli avevo portato.
“Fa schifo questa roba , devi migliorare molto . Il caffè è lungo , la marmellata troppa e messa male, non ci siamo caro mio , non ci siamo proprio.”
Rimasi in silenzio , non sapendo proprio cosa dire e come discolparmi.

Detto questo si tolse la camicia da notte e rimase con il solo intimo.
Poi si recò nell’armadio e tirò fuori il cavalletto e una videocamera. La posizionò e la mise in stato registrazione
Improvvisamente provai un senso di vergogna a mostrare le parti intime, nude, di fronte al suo sguardo ed a quella telecamera e cercai di coprirmi con le mani.
Ma lei mi prese per un braccio e con forza mi tirò a se tirandomi verso il basso, fino a farmi sdraiare di traverso a pancia in giù, sulle sue cosce nude .
” Adesso ti faccio vedere come si punisce la servitù disobbediente ; visto come ti comporti e i casini che fai ne hai prese poche da piccolo , adesso rimediamo.Metti le mani dietro alla testa muoviti”.
Eseguii mettendo le mani come mi aveva chiesto. Lei prese i collant che aveva usato anche la sera prima e mi legò.
Ero terrorizzato. Il mio sedere si trovò così completamente esposto e indifeso e cominciai a capire quali fossero le intenzioni di Eleonora.
Il tutto era peggiorato dalla presenza della telecamera che stava riprendendo la situazione imbarazzante in cui mi trovavo: a trent’anni ero messo di traverso sulle ginocchia della mia attraente matrigna , in attesa di essere sculacciato come un monello capriccioso, totalmente nudo , legato ed esposto al suo sguardo.
“Guai a te se reclami o ti lamenti : pensa solo a contarle e se perdi il conto o dici qualcosa di più riprendo dall’inizio” disse Eleonora che a mani nude iniziò a sculacciarmi come una mamma con il suo bambino
Sciaf… il primo sculaccione si abbatté improvviso ed energico sul mio indifeso sedere e la mia voce in un silenzio assoluto iniziò a dire
“Uno”.
Il primo colpo non mi fece un gran male, fisicamente, ma comunque mi prostrò moralmente. Era un’umiliazione terribile, per me! Non avevo mai immaginato, prima di allora, che un giorno avrei vissuto una situazione del genere.
Poi seguirono subito gli altri, cadenzati, sonanti e cocenti, distribuiti su tutta la superficie del mio sedere esposto.
Mentre i primi colpi erano stati sopportabili senza troppi problemi quelli successivi che impattavano sulle natiche già provate dalle prime mi creavano dolore e gli occhi si velarono di lacrime . Ma Eleonora non si fermava.
“Dieci”
Continuava ritmica la sculacciata, implacabile e bruciante.
” Ti piace vero?” mi chiese
“Si padrona” risposi trattenendo altre parole
Arrivai a contare ” Venti” con ormai dolori al limite dell’insopportabile
Ma ciò che m’imbarazzò e mi disorientò fu la reazione del mio istinto: infatti, dopo i primi colpi, cominciai ad avvertire una
inattesa eccitazione e sentii che stavo avendo un’erezione. Quel che più mi dannava era la certezza che se ne stesse accorgendo anche la mia matrigna: per la posizione in cui ci trovavamo, il mio membro strisciava sulle sue cosce e lei certamente stava notando il suo repentino
cambiamento di dimensioni. Mi sentivo confuso, annullato; sapevo che avrei subito un’altra tremenda derisione e punizione da parte di Eleonora a causa della mia inspiegabile (e purtroppo ben visibile!) eccitazione.
Mentre il mio cazzo si faceva duro, Eleonora continuava a sculacciarmi , apparentemente senza dar peso a quel che certamente avvertiva. Avevo però la sensazione che ci stesse provando sempre più gusto, perché cominciai a notare nelle sue parole e nel modo stesso di percuotermi una sfumatura ironica.
“Mm… Ti stai riscaldando, eh? – le sentii dire a un tratto. – “Mi sa che sei più porco di quanto pensassi! Dovrebbe essere l’uomo a sculacciare la propria donna in certi momenti.. invece sei tu qui che le prendi e ti ecciti”
Ad un certo punto smise di picchiarmi sul sedere , probabilmente quando si rese conto che il mio pene aveva raggiunto la sua massima espansione: senz’altro lei lo sentiva pulsare voglioso sulle sue cosce.
Anche ciò che seguì faceva evidentemente parte della sua particolare “punizione”.
Mi fece alzare di colpo e mi fece girare con il cazzo rivolto verso di lei e verso la telecamera commentando:
” Ehi, guarda là! A quanto pare ti fanno bene un po’ di sculacciate! Visto che è così la punizione avrà una seconda parte : voglio che mi guardi bene e guardi in camera mentre ti fai una sega… Voglio vedere in quanti minuti riesci a venire in onore della tua nuova padrona dopo aver subito la tua punizione. Secondo me, arrapato cronico come sei, ci metterai pochissimo… ”
Mi liberò le mani e preso del gel stimolante me lo spalmò sul cazzo.
Ecco, osserva bene – disse, slacciandosi il reggiseno: – ti piacciono le mie tette, eh? Come le trovi? Toccati, avanti, stronzo! che aspetti?

Eleonora mi faceva ballare maliziosamente le sue tette sotto gli occhi: se le soppesava, se le schiacciava, se le accarezzava giocando con i suoi capezzoli fino a farli diventare duri
Pur non essendo voluminose, erano sode e la loro vista aumentava la mia eccitazione. Iniziai a toccarmi, mentre lei commentava:
– Guardare e non toccare… Ti piace questo gioco? Vorresti di più? Non se ne parla Guarda, guarda qua… Le hai mai viste due tette così tra le tue scopatelle? Te le avvicino di più, così prendi nota… Te le metto proprio sotto gli occhi… Ti faccio anche sentire il loro profumo… Lo senti, eh? Ti piace? E allora sborra, dai… fammi divertire. Fammi vedere come sei arrapato, come mi desideri. Voglio vederti sborrare senza avermi nemmeno sfiorato e dopo aver preso la tua dose di sculacciate…
Ormai l’umiliazione era al top ma io ero concentrato sul seno che Eleonora offriva alla mia vista: me lo metteva praticamente sotto il naso,ridendo, e poi repentinamente lo allontanava, facendomi impazzire. Sentivo a tratti l’odore della sua pelle… Per pochi attimi, quando lei mi si
accostava, sentivo il suo respiro sul collo.
– Sborra, puttanella, sborra, che aspetti? Lo vedo bene che sei arrapatissimo! – mi provocò , continuando a dimenare le tette sotto i miei occhi. Ti piacerebbe mettere il naso tra le mie tette, eh? Ok ti accontento ma guai a te se tocchi stronzetto
Eleonora mi venne vicino, e con sguardo malizioso mi fece annusare i suoi seni, senza permettermi di toccarglieli.
“Lo sò che non resisti più… Voglio vederti sborrare, avanti…Sbrigati che abbiamo da fare stronzo!”
In effetti, neanche volendo avrei potuto resistere più a lungo e dopo pochi secondo scoppiai, spruzzando il mio seme verso le tette della mia matrigna che prontamente si scansò. La mia eiaculazione fu accolta da una sua risatina di scherno.

“Si vede che sei pratico di seghe ,Oggi però ti è andata meglio, perché almeno ti sei rifatto gli occhi. Preparati: saranno sempre meno le seghe e sempre meno le soddisfazioni.”

Si alzò , spense la telecamera e la ripose nell’armadio.
“Questa per ora non ci serve. Comunque ho deciso che riprenderò tutti i nostri giochi cosi avremo un pò di materiale pubblicitario da far vedere alla nostra clientela. Ora aprimi l’acqua della vasca e mentre io mi faccio un bagno caldo tu laverai per terra e rifarai il mio letto. Il tuo spero tu lo abbia già fatto. La tua camera deve essere sempre in ordine o sono guai.”

Poi ti vestirai con i vestiti più eleganti che hai . Ti voglio in giacca e cravatta come un vero autista. Devi portarmi in banca e poi .. ricordi? Oggi pagherò 30000 euro e tu sarai mio . Adesso ringraziami per averti saldato il debito e per averti dato questo insegnamento mattutino. Vuoi sapere cos’è? Il rispetto e la sottomissione che si deve alla tua nuova padrona. E non scordartelo mai, d’ora in poi . Forza ringrazia la tua padrona”
“Grazie padrona” dissi con voce scossa
“Più convinto” urlò
“Grazie mia padrona” dissi con voce più decisa.
“Ecco così . Un’ultima cosa : per questa volta ho usato le mani ma se dovrò rifarlo userò metodi e pratiche più dolorose chiaro? La disciplina è molto importante soprattutto adesso che mi appartieni”.

Detto questo mi fece cenno di andare : andai in bagno, preparai la vasca e mentre lei si lavava eseguì gli ordini lavando il pavimento e sistemando il suo letto .
Poi mi vestii come da lei ordinato : vestito e cravatta neri ( l’unico che avevo) e camicia bianca.
Dopo 20 minuti eravamo pronti per uscire : lei indossò un vestito rosso , firmato valentino che esaltava la sua meravigliosa femminilità fino all’altro giorno nascosta ai miei occhi, si truccò in modo molto sensuale poi si sedette su una sedia e mi diede ordine di prendere delle scarpe rosse con tacco molto alto , di lucidarle. Poi di mettergliele.

“Prima di uscire ti dico quale è il programma : andiamo in banca , io ritirerò i soldi e poi andremo a pagare. Tu mi aspetterai in macchina. Poi mi porterai in centro e mentre io faccio shopping anche per te tu mi seguirai e porterai le buste senza entrare nei negozi. Al rientro ti dirò quale è il tuo programma di oggi e lo eseguirai. Detto questo come avrai notato già alcune cose sono cambiate e molte altri cambiamenti ti aspettano. Oltre al fatto che ho in mente come sfruttarti anche per rientrare dei soldi che sto spendendo e che ho speso per te. Diventerai un business e molte persone sapranno la tua nuova condizione .Se hai cambiato idea dillo adesso perché una volta pagati i tuoi amici non ne uscirai più . Hai dubbi? Hai ripensato al nostro accordo?”
La cosa che mi spaventava era l’evoluzione della parte sessuale che il nostro rapporto stava avendo e la frase sul nuovo lavoro e sulle molte persone.
Cosa intendeva?
Cercai di spiegarle i miei dubbi sul mio nuovo lavoro ed ottenni questa risposta
“Non ti dirò nulla , non sei nella condizione di scegliere e sapere cosa ti aspetta. Però ti voglio tranquillizzare , anche io ho un limite e un po’ di rispetto: vista la tua natura sessuale ti posso garantire che non ti costringerò ad avere rapporti omosessuali ne ad essere sottomesso da padroni. Sempre se sarai uno schiavo ubbidiente e mi frutterai per quanto penso. Altrimenti anche questo limite cadrà. Dipende tutto da te . E’ il massimo che ti posso garantire , quindi? Ci hai ripensato o andiamo a pagare il tuo debito?”

Non avevo molta scelta e questa unica rassicurazione doveva bastarmi
“Ok andiamo” le dissi.
“Bene , muoviamoci” rispose lei prendendo le chiavi della macchina e lanciandomele. ” Fammi vedere come te la cavi come autista”
Uscimmo di casa , disinserii l’allarme della macchina e mi misi al posto di guida
“Schiavo!!! Come osi? Non apri la portiera alla tua padrona? Che diavolo di autista sei ?” urlò improvvisamente Eleonora.
“Quando salgo o scendo dalla macchina mi devi sempre aprire e richiudere la portiera chiaro ? Per ricordartelo appena torniamo a casa sarai punito severamente”
Mi affrettai verso la portiera del passeggero chiedendo perdono.
“Non mi interessano le tue scuse, portami alla banca, svelto.”
Arrivammo alla banca scesi per aprirgli la portiera e poi mi fece risalire in macchina e mi chiuse al suo interno.
Tornò dopo circa 15 minuti e ci recammo al posto concordato per il pagamento.
Anche qui mi lasciò chiuso in macchina e lei entrò nel bar . Non so cosa accadde ma lei uscì dopo dieci minuti.
Risalì in macchina e mi disse
” Ok , ora sei ufficialmente mio , il debito è saldato con loro , con me è appena iniziato. Sappi che ho dato a loro 30000 euro ma tu con me sei in debito di 10 volte tanto. Quando mi sarai fruttato 10 volte il tuo debito forse torneremo a vivere come prima. Ora portami in centro , devo fare compere anche per te”
La portai in centro.
“Mi seguirai e man mano che io compro le cose tu porterai le borse in macchina e poi mi raggiungerai. Cerca di non guardare le altre donne e di essere rapido perché se sgarri le prendi”
Eseguì gli ordini : lei si recò in un sacco di negozi tra cui vestiti , in un sexy shop , in una farmacia in una cartoleria e in un grande magazzino.
Alla fine entrò dalla sua estetista uscendo quasi subito.
Le borse a fine mattinata erano tantissime.
“Sono proprio contenta del mio shopping , mi sei costato un po’ di soldi ma sommerò anche questi al debito . Man mano ti farò vedere cosa ho comprato. Ora andiamo a casa , sono già le 13 ed ho voglia che mi prepari un bel risotto con i funghi e di un buon vino rosso”.
Arrivati in casa mi ordinò di spogliarmi completamente poi prese da una delle borse un grembiule rosa da cucina.
“Spogliati e indossalo : quando cucini da oggi in poi questo sarà l’unico indumento consentito”
Lo indossai e mentre lei si allontanò per sistemare tutti i suoi acquisti iniziai a preparare il pranzo e la tavola.
La sentii tornare dopo circa 10 minuti ma sopratutto sentii una forte fitta al sedere
“Questo è per la portiera di stamattina” mi disse ” E questo è il nostro nuovo amico.. si chiama frustino lo imparerai presto a conoscere” mi disse ridendo mentre io a stento trattenevo le lacrime dal dolore.

Quando il riso fu pronto lo misi nei piatti e lo servii alla mia padrona .
“Apri il vino e versamelo” mi ordinò
Eseguii gli ordini
“Siediti e mangia con me . Per ora puoi farlo anche se sei un inferiore. Ma niente vino per te , quello è mio”
Mangiammo in silenzio poi lei si alzò prese la telecamera e mi disse.
“Lava tutto e poi raggiungimi in bagno , ti aspetto li entro 20 minuti o sono guai”
Non sapevo cosa aveva in mente ma di certo la sua mente e le sue idee mi facevano sempre più paura.

2 thoughts on “Comprato dalla proprio matrigna 2 -La prima mattina da sottomesso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*